25 Novembre: giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne

Oggi non è la mia giornata.

Non perché io non sia una donna. Lo sono.

Sono una donna che con gli uomini va d’accordo. Sono una donna che crede nella propria autonomia di pensiero e di azione. Sono una donna che non si sente vittima di un uomo o inferiore ad un uomo. Nonostante tutto.

Subisco violenza, si anche io la subisco, da tutte quelle donne e quegli uomini che vogliono mettermi a tacere quando dico che le vere emergenze sono altrove. Quando rivendico il mio pensiero e il mio ruolo. Quando non mi asservisco al loro pensiero unico.

Per questo oggi non è la mia giornata.

Il mio pensiero va oggi a tutte quelle donne che nella vita sono ritenute oggetto e come tali vengono usate.

Soprattutto da chi sulle loro vite ci fa business.

I peggiori violenti nei confronti delle donne sono costoro.

La violenza è contro le PERSONE e fintanto che questo messaggio resterà relegato all’istituzione di giornate internazionali che servono a fare iniziative (contribuite), ma che poco fanno realmente a chi davvero soffre, non si potrà davvero dire di voler risolvere il problema.

Quando mi esprimo in questi termini c’è sempre qualcuno che replica che però non dobbiamo dimenticare che le donne subiscono violenza. E chi se lo dimentica? Io me lo ricordo tutti i giorni. Loro possono dire altrettanto?

Oggi è il 25 Novembre: giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne questo il manifesto di quest’anno

12226962_1068401583178766_2661563644655745312_n

#violenza #donne #25novembre

Storie di violenza …

Violenza …  storie.

Una stanza non molto grande.

Una sola donna presente, gli altri tutti uomini.

Le poche persone, sedute attorno alle pareti, ascoltano parlare qualcuno dietro ad un tavolo.

Racconta di un incontro in un bar con alcune persone, tra cui una donna che ha raccontato la sua storia e mettendosi a piangere.

La donna presente nella stanza commenta che solitamente gli uomini di fronte alle lacrime di una donna sono molto propensi a credere a quanto viene raccontato.violenza

Non riesce a finire di dire la frase che viene investita da una serie di parole urlate dall’interlocutore che vanno dall’accusa di voler dire che lui si era

dimostrato disponibile sessualmente verso la donna piangente, alle minacce con il dito indice verso di lei “Tu devi stare attenta, hai capito?”.

Lei all’inizio cerca di replicare tra le frasi ossesse dell’interlocutore cercando di spiegare che il suo discorso era rivolto in generale e non a lui direttamente.

Lui alza ancora di più il tono di voce.

Alla minaccia diretta lei chiede “mi stai minacciando, mi stai minacciando davanti a testimoni? Ti ricordo che non è la prima volta che ti rivolgi a me con toni aggressivi e con violenza, ho ancora i tuoi messaggi sul cellulare”

A quel punto lui dice ancora qualcosa e poi chiude l’argomento passando ad altro.

Come se niente fosse.

I presenti, tutti in silenzio con le teste basse assistono alla scena.

L’uomo alla sinistra della donna la guarda in volto.

Un altro si alza esce dalla stanza, rientra e chiude la porta.

Un altro si alza e cammina e poi si risiede.

Gli altri tacciono.

L’incontro termina.

L’interlocutore si alza e se ne va.

Ci si sta congedando. Uno dei presenti si avvicina tende la mano alla donna e la bacia sulle guance.

Un altro le tocca la spalla. In silenzio

Uno saluta e se ne va.

Uno dice “non ho capito niente, cosa è successo?”

Un altro afferma che non è la prima volta che l’interlocutore ha di questi atteggiamenti.

Lei lo sa bene.

La prima volta che è successo era in stazione Garibaldi, stavano parlando e lei aveva detto qualcosa che non gli era piaciuto. Lui con tono alterato alzando la voce le aveva gridato “vaffanculo” e se n’era andato. Conoscenti di lei erano intervenuti per chiederle se aveva bisogno di aiuto, avevano assistito alla scena, ma non c’era bisogno di aiuto, il problema non era suo ma della persona che se n’era andata.

La volta successiva erano stati messaggi SMS in piena notte dove con parole di estrema violenza le aveva intimato di cancellare un messaggio sul social Facebook, dove lei esprimeva la sua opinione in contrapposizione con la sua.

Il tono dei messaggi era violento, condito di parolacce.

Lei ovviamente non aveva risposto.

E poi quell’episodio, quella sera in quella riunione.

 

Certamente l’interlocutore cercherà di distorcere la verità cercando di indurre ricordi verosimili in quelli che erano presenti e forse racconterà la sua versione dei fatti, la manipolazione è un’arte.

 

fonte immagini – municipioroma.it immagine in evidenza – immagine nel testo foto Corbis

 

 

 

 

 

 

25 Novembre: giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne

giornata

Oggi non è la mia giornata.

Non perché io non sia una donna. Lo sono.

Sono una donna che con gli uomini va d’accordo. Sono una donna che crede nella propria autonomia di pensiero e di azione. Sono una donna che non si sente vittima di un uomo o inferiore ad un uomo.

Subisco violenza, si anche io la subisco, da tutte quelle donne e quegli uomini che vogliono mettermi a tacere quando dico che le vere emergenze sono altrove. Quando rivendico il mio pensiero e il mio ruolo. Quando non mi asservisco al loro pensiero unico.

Per questo oggi non è la mia giornata.

Il mio pensiero va oggi a tutte quelle donne che nella vita sono ritenute oggetto e come tali vengono usate.

Soprattutto da chi sulle loro vite ci fa business.

I peggiori violenti nei confronti delle donne sono costoro.

Oggi è il 25 Novembre: giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.

In modo meraviglioso ne scrivono Eretica Whitebread, Angela Azzaro e Paola Concia in un saggio a sei mani e tre grandi teste. (clik qui)

Ecco qualche parola tratta dal loro pezzo.

“Care ragazze dite no alle professioniste del vittimismo. Sono quelle che vi servono a colazione, pranzo e cena una retorica malsana che non fa altro che acuire il problema.

Sono quelle che piegano l’immagine della donna al loro bisogno di vedersi consegnato lo scettro del potere attraverso la suggestione e la paura.”

L’invito è ad andare a leggerlo per intero, vale davvero la pena in una giornata come questa.

#violenza #donne #25novembre