E poi, non si dorme. Si sogna ma non si dorme

E poi, non si dorme.

“I legami che ci vincolano a volte sono impossibili da spiegare. Ci uniscono anche quando sembra che si debbano spezzare. Certi legami sfidano le distanze e il tempo e la logica. Perché ci sono legami che sono semplicemente… destinati ad essere.”

Dr. Meredith Grey (Ellen Pompeo) dal film “Grey’s Anatomy”.

E poi, non si dorme.

Sei deciso, sei convinto. Fermo nella tua convinzione.

E’ giusto doveva andare in questo modo, lo hai sempre saputo.

E poi, non si dorme.

Ci pensi. Continuamente.

Ti hanno detto è questione di chimica, si chiama sesso, “nulla di che”.

Già “nulla di che”, ma questo nulla ti fa desiderare quella donna, desiderare di vederla, di toccarla.

Forse c’è una dose di amore in tutto questo, ma non si tratta solo di ciò, perché se così fosse sarebbe destinato ad evolversi e a trasformarsi in tutt’altro.

E non è solo passione: presto o tardi si dissolverebbe.

E poi, non si dorme.

Neppure la solita noiosa e enorme lotta tra cuore e cervello c’entra alcunché in questo caso. E’ solo desiderio, parola, dannazione, sudore.

E poi, non si dorme.

E coscienza: non potrà mai esserci altro tra voi, non perché non lo vogliate, ma perché qualche energia superiore ed incontrollabile, astratta, ma ben percettibile, vuole così.

E vi arrendete ad una ricerca incostante e ciclica. L’uno dell’altra.

Potrete solo inchinarvi, e amen.

E poi, non si dorme.

“L’amore è un potere misterioso e alchemico che mette in sintonia due sensibilità lontane ancor prima che lo sappiano. La forza è irrefrenabile, ecco perché parlo di anime calamite.

Noi possiamo sviscerare tutti i pregi e tutti i difetti delle persone che incontriamo, possiamo iniziare a pensare :”Con questa persona ci potrei stare bene”, ma in realtà quel potere misterioso non si crea.

Perché il potere è primordiale e per quanta opposizione due persone possano provare a mettere fra loro non esistono muri da innalzare per due anime che non sapranno resistersi.

E’ magnetismo, è carisma, è percezione.

Non si tratta di un destino già scritto, il destino arriva dopo non prima, arriva con la consapevolezza della costruzione.

All’origine c’è una molecola, un insieme di due atomi che è come una panacea naturale, solo quell’incontro è in grado di mettere fine a una solitudine scelta e divenire cura”

(Massimo Bisotti)

La chiami chimica, perché non lo puoi chiamare amore

dorme

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...