Amore

amoreIo si li ho messi sulla bilancia i pochi ma onesti momenti d’amore.

Sull’altro piatto quelli brutti ed infelici.

Tutti quei momenti in cui mi sono sentita trascurata, offesa, abbandonata.

Quei momenti interminabili, giorni, e poi ancora giorni, che fan mesi, anni.

Ho pesato. Ho pesato tutto per bene, più e più volte.

Ed il piatto pende sempre per loro.

Per quei pochi ma onesti momenti d’amore.

Perché l’amore, per quanto poco, purché onesto, è molto più pesante di tutta la merda che ci sta intorno!!!

Amici e DNA

amiciLeggo questo articolo su amici e DNA.

Questo periodo è stato molto intenso e con emozioni forti. Sono successi tanti eventi nella mia vita.

Il più importante di tutti è la morte di mia suocera. Una donna forte, in gamba estremamente intelligente.

Questi eventi mi hanno portato a ripensare all’anima, alla coscienza agli incontri.

Il mio passato mi ha portato a credere che le persone non s’incontrano, si ritrovano. Nella mia vita ho avuto molto spesso, con persone particolarmente importanti la sensazione di avere in comune un passato.

Inizialmente ero un po’ intimorita, ma con l’andare del tempo ho compreso che è tutto a posto.

Ne parlavo proprio con la mia amica Adriana nei giorni scorsi. Stamani al telegiornale un servizio ha ripreso l’argomento.

Bene mi son detta, sono sulla strada giusta e tanti se ne aggregano o io mi aggrego a loro, non ha importanza il prima o dopo, l’importante è esserci.

Anni fa scrissi questa poesia per la mia amica Eleonora.

In questo mondo

di ladri di anime

ritrovo in te

la mia sorella perduta.

 Colei che un giorno

già percorse queste strade

insieme a me

anima e coscienza

coscienzaParlando di anima e coscienza.
28 giugno 2014
Trovo conferme sul mio cammino e nei fatti quotidiani
Viviamo sostenuti da una doppia coscienza, la coscienza cognitiva e la coscienza dell’anima che continua ad esistere anche dopo la morte del corpo.
Quando ad un passo dalla morte la coscienza cognitiva ci abbandona è la coscienza dell’anima che persiste.
Attraverso il respiro parliamo con coloro che ci accompagnano verso il passaggio.
30 giugno 2014

Questa mattina si conclude il cerchio delle tradizioni umane in tema di vita e di morte di una persona fantastica.
Ricordo che avevo un misto di timore e curiosità undici anni fa, proprio in questi giorni, ad incontrarla.
Avevo sentito parlare di Lei come di una donna “un po’ignorante e forse rimbambita”
Le rare volte che l’avevo incontrata era sempre taciturna,
Suo figlio mi disse di stare tranquilla. “Deciderai da sola cosa ne pensi”
Poi quel giorno al supermercato ci siamo incontrate e da quel momento non ci siamo più lasciate, fino a venerdì quando la sua anima è rientrata nella sua dimensione da dove sento i suoi pensieri.
Grazie per avermi accolto nella sua famiglia e per avermi sempre sostenuta con orgoglio.

Grazie per aver accolto i miei figli.

Oggi saluto la parte terrena di lei, ma sento la sua anima qui accanto a me. Non siamo riuscite a ballare quel valzer come dicevamo sempre ridendo.
Buon viaggio Anima Luminosa.

Buon viaggio Rosa porti il mio abbraccio alle anime che sono state i miei genitori.