John Lennon

Il mitico John Lennon disse

john-lennon1

“Quando avevo 5 anni mia madre mi ripeteva che la felicità è la chiave della vita.

Quando andai a scuola

mi domandarono come volessi essere da grande.

Io scrissi “felice”.

Mi dissero che non avevo capito il compito, e io dissi loro che non avevano capito la vita.”

Mi piace e mi calza questa affermazione.

John Lennon con i testi delle sue canzoni fu un grande precursore.

Rispecchiarsi… nelle sue parole del testo di “IMAGINE” ancora oggi

Immagina non esista paradiso

È facile se provi

Nessun inferno sotto noi

Sopra solo cielo

Immagina che tutta la gente

Viva solo per l’oggi

Immagina non ci siano nazioni

Non è difficile da fare

Niente per cui uccidere e morire

E nessuna religione

Immagina tutta la gente

Che vive in pace

Puoi dire che sono un sognatore

Ma non sono il solo

Spero che ti unirai a noi anche tu un giorno

E il mondo vivrà in armonia

Immagina un mondo senza la proprietà

Mi chiedo se ci riesci

Senza bisogno di avidità o fame

Una fratellanza tra gli uomini

Immagina tutta le gente

Che condivide il mondo

Puoi dire che sono un sognatore

Ma non sono il solo

Spero che ti unirai a noi anche tu un giorno

E il mondo vivrà in armonia

John Lennon Image

Festa del Papà

PapàCaro papà, sono passati quattordici anni eppure mi sveglio ancora con quella sensazione di vuoto incolmabile.

Quattordici lunghi anni da quella mattina in cui con una telefonata mi hanno avvisato che tu non eri più qui.

Io ero lontano, cercavo di capire che cosa avrei dovuto fare della mia vita e tu concludevi la tua nel letto di un ospedale.

Se penso alle cose che mi hai dato pur senza consapevolezza, non posso fare altro che dirti “Grazie Papà”.

Ricordo di te tutte le cose che mi hai insegnato senza “insegnarmi” nulla, ma permettendomi di starti vicino e di osservare quello che facevi e io come tutti i bambini ho assorbito il tuo sapere.

Ciò che sono lo devo alla mamma, ciò che so lo devo a te.

Vorrei che fossi qui per condividere con te i pensieri, gli hobby, i sogni. Forse non capiresti o forse si, purtroppo non lo saprò mai.

Ricordo quando alla nascita dei miei figli ti ho visto piangere di gioia, tu che ti eri sempre vergognato di esprimere i tuoi sentimenti.

Da quando vivo qui, in casa vostra, mi capita di entrare in casa e con lo sguardo cercarti sulla tua poltrona, ma poi mi rendo conto che lì non ti vedrò più.

Allo stesso tempo quando vado al cimitero non sento la tua presenza.

Allora mi rendo conto sei dentro di me, nel mio pensiero, nelle mie azioni, nel mio modo di vivere.

Come ogni anno riscrivo questa poesia che mi servì a salutarti allora e come allora rinnovo il mio saluto a te che hai contribuito a darmi la vita.

Papà ciao 
Nella profondità del cielo
si è persa la tua anima.
Riposa nel sole
che splende ogni mattina
il suo calore è il calore di un tuo abbraccio
spesso agognato e così poco ricevuto
Fluttua tra le stelle
che brillano nella notte
mi raggiunge con un raggio della luna
Mentre ti abbraccio in un ultimo saluto
ascolto il silenzio che ti avvolge ora.
Mi parla di Pace di Amore
di una Serenità
finalmente raggiunta nella Morte
che ti ha colto
come un purpureo fiore d’autunno.
Tace il rimorso
per le parole non dette
e il rimpianto
per le parole non ascoltate
… Alcuni parlano la lingua del Silenzio