Stalking retard

StalkingStalking retard.

Sembra il nome di un farmaco invece sono effetti collaterali: ginocchio gonfio, dolore, disagio lavorativo.

Ad agosto sono stata vittima di un incidente causato dalla mia disattenzione ingenerata dall’ansia e dalla paura per lo stalking che sto subendo dal 2012.

Da quando ho paura?

Da quando ho iniziato a ricevere telefonate a tutte le ore del giorno e della notte, da quando il mio numero di telefono è stato scritto sui telefoni pubblici e inserito nelle hot chat line.

Da quando è stata fatta pressione, verosimilmente, presso figure istituzionali della Pubblica Amministrazione presso la quale lavoro, per bloccare una serie di convegni sulla bigenitorialità,  promossi dalle associazioni che rappresento dopo il primo incontro tenutosi ad aprile dello scorso anno. Lo asserisco in quanto c’è chi si vanta di aver compiuto simili azioni come si può leggere qui in questo screenshot di una conversazione nella quale parlavo della mia attività.

Stalking

Da quando sono stata minacciata come si vede in questo altro screenshot

NumeroCivicopost

Tutto questo diventa insopportabile. Ovvio che hai paura. Ovvio che cammini per strada guadandoti attorno.

L* stalker è subdol*, ti insegue e non è necessario che lo faccia fisicamente, per toglierti la tranquillità. Per spingerti ad agire come vuole l*i. Per bloccare le tue iniziative e isolarti.

Si è portati, grazie anche alla spinta dei media, a considerare lo stalking come persecuzione verso un oggetto d’amore. Non è così. La persecuzione ha mille facce e lo stalking viene usato anche per altri fini come nel mio caso. Ingenerare paura.

A me è molto costato arriverò ad ottenere giustizia?

Perchè scrivo tutto questo? Perchè adesso basta, è ora di uscire dal silenzio e dal terrore.

I condimenti aromatici

Come dare sapore a carni, insalate, sughi? Con i condimenti aromatici.

In commercio se ne trovano di mille varietà, ma io ho voluto provare a farli in casa. Vi racconto la ricetta e il procedimento.

Gli oli

Come ingrediente base è bene utilizzare un buon olio di oliva extravergine con un gusto delicato. La varietà di erbe che si può utilizzare è davvero infinita. Fra le più comuni: finocchio, maggiorana, timo, rosmarino, salvia, menta e poi ancora aglio, peperoncino, zenzero…

Come si preparano

In un barattolo di vetro mettete rametti di erbe fresche, coprite di olio fino all’orlo. Avvolgete in un telo ed esponete al sole o comunque in un luogo al caldo. Lasciate macerare per due settimane mescolando una volta al giorno. Al termine del periodo assaggiate e se volete un sapore più deciso sostituite le erbe macerate con altre fresche. Dopo aver filtrato l’olio, conservate in un luogo fresco e buio.

Herbs-Image-via-italianfoodforever

 

credits

Gli aceti

Altro ottimo condimento che si presta ad essere aromatizzato. Si usano aceti di vino bianco o rosso. Devono essere contenuti in bottigliette di vetro con tappo di sughero o di vetro. Le erbe più usate sono: alloro, basilico, finocchio, dragoncello, timo…

Come si preparano

Schiacciate le erbe fresche, mettetele nella bottiglietta, fate scaldare leggermente l’aceto e versatelo sulle erbe. Chiudete la bottiglietta e lasciate riposare al sole o comunque in un luogo al caldo. Agitate leggermente tutti i giorni senza aprire. come per l’olio dopo due settimane assaggiate e se è il caso sostituite le erbe. Quando il gusto vi aggrada filtrate e conservate in un luogo fresco e buio.

aromatic_oilscredits

Come usare i nostri condimenti aromatici

Sono ottimi sia per le insalate e le marinate, spennellati sulle carni o sulle verdure o ancora aggiunti alle minestre ai sughi e alle salse.

Una ricetta

Aceto alle sette erbe

2 rametti di timo, due di santoreggia, 2 di menta e 2 di rosmarino, una manciata di prezzemolo 2 o 3 gambi di sedano, 3 o 4 scalogni, 6 grani di pepe e 450 ml di aceto.

Sminuzzate le erbe affettate il sedano, lo scalogno e macinate il pepe. Inserite tutto nel barattolo.

Versate l’aceto riscaldato, tappate e lasciate al sole o al caldo. Filtrate e versate nella bottiglia.

condimenti aromaticicredits

 

 

 

I condimenti aromatici

Come dare sapore a carni, insalate, sughi? Con i condimenti aromatici.

In commercio se ne trovano di mille varietà, ma io ho voluto provare a farli in casa. Vi racconto la ricetta e il procedimento.

Gli oli

Come ingrediente base è bene utilizzare un buon olio di oliva extravergine con un gusto delicato. La varietà di erbe che si può utilizzare è davvero infinita. Fra le più comuni: finocchio, maggiorana, timo, rosmarino, salvia, menta e poi ancora aglio, peperoncino, zenzero…

Come si preparano

In un barattolo di vetro mettete rametti di erbe fresche, coprite di olio fino all’orlo. Avvolgete in un telo ed esponete al sole o comunque in un luogo al caldo. Lasciate macerare per due settimane mescolando una volta al giorno. Al termine del periodo assaggiate e se volete un sapore più deciso sostituite le erbe macerate con altre fresche. Dopo aver filtrato l’olio, conservate in un luogo fresco e buio.

 

Herbs-Image-via-italianfoodforever

credits

Gli aceti

Altro ottimo condimento che si presta ad essere aromatizzato. Si usano aceti di vino bianco o rosso. Devono essere contenuti in bottigliette di vetro con tappo di sughero o di vetro. Le erbe più usate sono: alloro, basilico, finocchio, dragoncello, timo…

Come si preparano

Schiacciate le erbe fresche, mettetele nella bottiglietta, fate scaldare leggermente l’aceto e versatelo sulle erbe. Chiudete la bottiglietta e lasciate riposare al sole o comunque in un luogo al caldo. Agitate leggermente tutti i giorni senza aprire. come per l’olio dopo due settimane assaggiate e se è il caso sostituite le erbe. Quando il gusto vi aggrada filtrate e conservate in un luogo fresco e buio.

aromatic_oils

credits

Come usare i nostri condimenti aromatici

Sono ottimi sia per le insalate e le marinate, spennellati sulle carni o sulle verdure o ancora aggiunti alle minestre ai sughi e alle salse.

Una ricetta

Aceto alle sette erbe

2 rametti di timo, due di santoreggia, 2 di menta e 2 di rosmarino, una manciata di prezzemolo 2 o 3 gambi di sedano, 3 o 4 scalogni, 6 grani di pepe e 450 ml di aceto.

Sminuzzate le erbe affettate il sedano, lo scalogno e macinate il pepe. Inserite tutto nel barattolo.

Versate l’aceto riscaldato, tappate e lasciate al sole o al caldo. Filtrate e versate nella bottiglia.

condimenti aromatici

credits

Nessuno tocchi mia madre

mia figliaNella vita di un genitore ci sono momenti belli e momenti difficili.

Poi ricevi messaggi come questo da tua figlia e allora capisci di essere stata, insieme a suo padre, un buon genitore.

Nessuno tocchi mia madre

Se tutto va bene, è la prima persona alla quale l’osterica affiderà la tua vita. Ti prenderà in braccio e le lacrime di dolore si trasformeranno in sorrisi d’amore, lo sfinimento improvvisamente lascerà il posto ad una incredibile forza. Con te lì, mentre la tua prima preoccupazione è quella di iniziare a respirare, lei potrebbe spazzare via il male dal mondo intero pur di permetterti di vivere e di essere ciò che un domani, indipendentemente dal quello che è stato il suo percorso, tu vorrai essere.

Ti crescerà come una principessa,e ti tratterà così anche quando avrai detto la parola “mamma” cento, mille volte in un nano secondo, giorno e notte fonda indistintamente. Sicuramente ti scontrerai con lei, a volte la sentirai molto disante, ma poi, passato quel periodo in cui il mondo è un caleidoscopio in bianco e nero, ti renderai conto di essere tu quella che per prima si è chiusa come un riccio, spaventata dal trambusto della vita, ed è anche grazie a questi contrasti con lei che tu diventerai Donna.

Lei, però, sarà sempre lì, dietro la porta, ad attenderti con le braccia aperte e con lo stesso sorriso del primo giorno in cui ha visto i tuoi piedini muoversi durante l’ecografia. E tu non potrai che provare gratitudine ed un bene incondizionato.. ed avrai quella stessa grinta che il giorno della tua nascita brillava nei suoi occhi. Sarai disposta a camminare sui carboni ardenti pur di difenderla se qualcuno la attaccherà, riderai in faccia alle avversità pur di non vederla umiliata, esploderai come un vulcano quando la sentirai piangere e dentro te ripeterai continuamente: “nessuno tocchi mia madre“.

Mia figlia

Nessuno tocchi mia madre

mia figliaNella vita di un genitore ci sono momenti belli e momenti difficili.

Poi ricevi messaggi come questo da tua figlia e allora capisci di essere stata, insieme a suo padre, un buon genitore.

Nessuno tocchi mia madre

Se tutto va bene, è la prima persona alla quale l’osterica affiderà la tua vita. Ti prenderà in braccio e le lacrime di dolore si trasformeranno in sorrisi d’amore, lo sfinimento improvvisamente lascerà il posto ad una incredibile forza. Con te lì, mentre la tua prima preoccupazione è quella di iniziare a respirare, lei potrebbe spazzare via il male dal mondo intero pur di permetterti di vivere e di essere ciò che un domani, indipendentemente dal quello che è stato il suo percorso, tu vorrai essere.

Ti crescerà come una principessa,e ti tratterà così anche quando avrai detto la parola “mamma” cento, mille volte in un nano secondo, giorno e notte fonda indistintamente. Sicuramente ti scontrerai con lei, a volte la sentirai molto disante, ma poi, passato quel periodo in cui il mondo è un caleidoscopio in bianco e nero, ti renderai conto di essere tu quella che per prima si è chiusa come un riccio, spaventata dal trambusto della vita, ed è anche grazie a questi contrasti con lei che tu diventerai Donna.

Lei, però, sarà sempre lì, dietro la porta, ad attenderti con le braccia aperte e con lo stesso sorriso del primo giorno in cui ha visto i tuoi piedini muoversi durante l’ecografia. E tu non potrai che provare gratitudine ed un bene incondizionato.. ed avrai quella stessa grinta che il giorno della tua nascita brillava nei suoi occhi. Sarai disposta a camminare sui carboni ardenti pur di difenderla se qualcuno la attaccherà, riderai in faccia alle avversità pur di non vederla umiliata, esploderai come un vulcano quando la sentirai piangere e dentro te ripeterai continuamente: “nessuno tocchi mia madre“.

Mia figlia

Stalking – I telefoni di Piazza Duomo

999117_10201772216096762_263535668_nperblogRacconto una storia di stalking. Questa fotografia che vedete  è l’immagine di uno dei telefoni pubblici posti nel mezzanino alla fermata metropolitana di Piazza Duomo a Milano.  

Quello che vedete scritto sopra intenzionalmente cancellato di alcune cifre, è il mio numero di cellulare. Stessa sorte è toccata alla mia amica Adriana. Se non fosse tragico sarebbe stato buffo. Erano scritti alternativamente sui telefoni del lato destro dell’edicola e sul lato Marelli. 

Questi sono gli stessi telefoni da cui il nove febbraio dello scorso anno, nel pomeriggio, ho ricevuto tre telefonate della durata dai quattro ai diciotto secondi dove il chiamante non ha parlato. Un’altra telefonata della durata di quaranta secondi la ricevevo più tardi dal telefono posto al mezzanino, vicino ai tornelli, di Piazzale Lotto. 

Adriana al tempo stesso con pochissimo di differenza riceveva le stesse telefonate.

C’è in giro qualcun* che credendosi spiritos* si diverte a compiere simili azioni.

Con buona probabilità è la stessa persona o comunque qualcuno vicino, che si diverte a dare il mio numero di cellulare e quello di Adriana nelle chat erotiche, di preferenza 77chat.com, facendo in modo che io e lei riceviamo telefonate per buona parte della notte, da uomini che ci chiedono prestazioni telefoniche. 🙂

E’ dal ventidue gennaio che questa storia va avanti e le telefonate sono state davvero tante. Mi hanno messo addosso tanta paura e tanta ansia anche perchè io in piazza Duomo ci lavoro